Sabato 29 aprile 2017. Cicloriparo bianco per Michele Scarponi

Quando uno di noi se ne va come è accaduto a Michele Scarponi vogliamo che se ne parli. Non ci piace il silenzio che si perde nei clacson, nelle sgommate, nelle sgasate del traffico. Non è bello che tutto continui come prima, con le auto padrone assolute della strada, usate sempre e solo da una persona, per abitudine e fare pochi km al giorno. E’ così brutto respirare idrocarburi e ascoltare rombare motori. E non ci piace dover difendere, con la nostra vita, il nostro diritto di muoverci come ci pare: in bicicletta.

Perchè, parafrasando Voltaire : “Posso non essere d’accordo su come ti muovi, ma morirei per farti andare”. Beh, preferiamo nessuno debba morire.

Per questo sabato 29 aprile, il Cicloriparo si vestirà di bianco per ricordare Michele Scarponi. Perchè guidare è, oggi, un atto di responsabilità e usare un cellulare quando si guida o farlo in stato di ebbrezza è come puntare un kalashnikov in un centro commerciale. Pensateci, pensiamoci quando giriamo quella chiave e avviamo il motore.

Portateci un biglietto per lui, scrivetelo su un foglietto. Abbiamo aperto una bacheca per ricordarlo.

Dalle 15, consuete cicloriparazioni

Qui un bel ricordo del fratello di Michele Scarponi al suo funerale

Advertisements